HomePage DOVE DORMIRE MANGIARE e BERE Figline e dintorni Gallerie Fotografiche
logo www.figline.it
Sabato 18 novembre | 07:36 am Ricerca nel sito nel web
 
Figline.it : RUBRICHE » Cronaca » M5S: “Sulla variante alla Sr69, gli enti navigano a vista. Assordante il silenzio dei sindaci, mentre i costi lievitano”
Menu principale

News dal web

I Vostri Ultimi Commenti

Guestbook

Lasciateci i vostri commenti, impressioni, consigli....o anche solo un saluto!

Vai al Guestbook


Webmail

Visitatori dal 01/12/2006
Numero visite: 23975279
M5S: “Sulla variante alla Sr69, gli enti navigano a vista. Assordante il silenzio dei sindaci, mentre i costi lievitano”
Data pubblicazione 07/07/2014 09:58:20

 
"Sulla variante alla Sr69 si naviga a vista, senza che nessun ente sappia quanto costerà l'opera e con il serio rischio che rimanga solo una grande incompiuta". E' questo il commento del Movimento 5 Stelle che ha organizzato sabato mattina una conferenza stampa per fare il punto della situazione.

 

"In questi ultimi giorni - sottolineano i consiglieri valdarnesi Lorenzo Naimi, Piero Caramello, Marco Bonaccini e Saverio Galardi, insieme al deputato Samuele Segoni - abbiamo deciso di incontrare le istituzioni che si occupano della realizzazione della nuova strada, visto che i Comuni latitano ormai da anni". Il M5S ha incontrato prima il presidente della Provincia di Firenze Andrea Barducci e poi l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e nei prossimi giorni chiederà un incontro ufficiale anche al presidente della Provincia di Arezzo, Roberto Vasai.

“Stiamo portando avanti il lavoro che in questi anni i sindaci del Valdarno si sono dimenticare di fare: incontrare gli enti superiori per fare fiato sul collo su un’opera di cui non si vede la fine e che è l’emblema della cattiva amministrazione. Per la Variante alla Sr 69, infatti, i soldi ci sono sempre stati ma gli enti locali non sono riusciti ad utilizzarli a dovere mentre il territorio fa i conti con il traffico e scelte urbanistiche completamente sbagliate”.

Il quadro emerso dagli incontri conferma le preoccupazioni: “Se nella parte aretina i lavori, seppur a rilento e con un aumento esponenziale dei costi stanno giungendo a conclusione, in quella fiorentina non sono ancora iniziati nonostante anni di annunci e promesse da parte dei vari assessorati. La Regione ha confermato che sta pressando – attraverso lo spauracchio del commissariamento - la Provincia di Firenze per sbloccare il lotto 5 e dare avvio ai lotti 1-3 e 4: sinceramente dopo tutta questa attesa ci aspettavamo di vedere nero su bianco date ben precise che al momento non ci sono”.

Ma a destare grande preoccupazione è ovviamente l’aumento dei costi: “Nella parte aretina c’è da fare i conti con la richiesta di 11milioni di euro da parte dell’impresa, mentre in quella fiorentina con l’annullamento dell’iter per il lotto 5: con l’approvazione del nuovo progetto da parte della Provincia si è reso necessario lo stanziamento di altri 4milioni di euro. I ritardi rischiano di gravare anche sul Comune di San Giovanni”.

“A lasciarci disarmati è il fatto che ormai da oltre un decennio si parli della Variante alla Sr 69, ma gli enti competenti non abbiano minimamente idea di quanto costerà complessivamente l’opera per non parlare di se e quando verrà portata a compimento. Lo stesso Ceccarelli ci ha spiegato che i conti si faranno alla fine: ma intanto questi lievitano”.

“Facciamo notare – sottolineano i consiglieri di Figline e Incisa e Reggello che i 4 milioni di ulteriori stanziamenti per il lotto 5, sono circa la metà del costo del secondo ponte di Figline: se Provincia, Comune e Regione avessero fatto il loro dovere fino in fondo, quei soldi potevano essere spesi per quel secondo ponte, il cui progetto è archiviato nelle segrete stanze di Palazzo Medici Riccardi, senza che sia stato intrapreso con la Regione un confronto ufficiale per il suo finanziamento”.

“Allo stesso tempo abbiamo voluto organizzare questa iniziativa con i consiglieri 5 Stelle di tutto il Valdarno per lanciare un messaggio chiaro e preciso alle amministrazioni del Pd: basta con la politica degli orticelli, per la viabilità – ma non solo - serve una pianificazione che guardi all’intero territorio e non per singoli Comuni o Province. Purtroppo la richiesta di una cabina di regia per il momento è rimasta lettera morta. Il rischio è che, con una classe politica così miope e con la trasformazione in atto delle Province, i Comuni del Valdarno diventino del tutto marginali. Più di quanto già non lo siano”.


 Condividi su facebook

lista dei commenti ricevuti
Inserisci un nuovo commento | Trova l'ultimo commento inserito
ATTENZIONE!!! FUNZIONE SPERIMENTALE
Se vengono attivati nuovi commenti su questa pagina avvisami alla seguente mail (usare il pulsante '-' per rimuovere una mail precedentemente aggiunta)

       
Seguici su:

Calendario eventi

News da figline.it
Domenica 19 mercato straordinario a Figline
I banchi rimarranno aperti dalle 8 alle 20 nel centro storico. Info su eventi in citta' su www.fiv-eventi.it oppure direttamente su cellulare
Il Garibaldi di Figline si tinge di viola
Amministrazione aderisce alla campagna "Facciamo luce sul tumore al Pancreas" su richiesta di alcuni cittadini
"LA POESIA DELL'AUTUNNO": DUE NUOVI INCONTRI CON IL PROFESSOR GIANNI A. PAPINI
Alle 17 nella Sala Multimediale della Biblioteca Comunale
A San Giovanni il 24 novembre il "Black Friday"
Shopping a prezzi vantaggiosi
Maltempo: neve su rilievi della Toscana
lista completa

Tags Cloud

WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck requires Flash Player 9 or better.


Stradario
Cerca indirizzo


Meteo
HomePage DOVE DORMIRE MANGIARE e BERE Figline e dintorni Gallerie Fotografiche

HiHo srl 
Sede legale: Via G.Donizetti, 52 - 50018 Scandicci (FI) - Sede operativa: Via Vetreria, 73 50063 Figline Valdarno ( Fi )  
tel. +39 055 5357453 - fax +39 055 5609013 - info@figline.it - P.Iva 05443270482

Powered by Hiho S.r.l © 2017
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI