HomePage DOVE DORMIRE MANGIARE e BERE Figline e dintorni Gallerie Fotografiche
logo www.figline.it
Domenica 24 settembre | 08:44 am Ricerca nel sito nel web
 
Figline.it : RUBRICHE » Cronaca » Maxi-sequestro di pesce destinato alle grandi catene di mezza Italia
Menu principale

News dal web

I Vostri Ultimi Commenti

Guestbook

Lasciateci i vostri commenti, impressioni, consigli....o anche solo un saluto!

Vai al Guestbook


Webmail

Visitatori dal 01/12/2006
Numero visite: 23352337
Maxi-sequestro di pesce destinato alle grandi catene di mezza Italia
Data pubblicazione 06/05/2014 09:59:28

Il pesce fa bene? Sì, ma non sempre. Specie quando sia vittima di processi di sofisticazione: la chiave di una grossa operazione coordinata dalla Procura della Repubblica e guidata dal procuratore capo Roberto Rossi ed eseguita dai carabinieri dei Nas di Firenze, affiancati dai militari di Bologna e Torino. Hanno interrotto la commercializzatione di prodotti ittici potenzialmente pericolosi per la saluta pubblica proprio perché sofisticati e adulterati.

Nel corso delle attività i Nas sono intervenuti su due ditte, una di Arezzo e una della Romagna, e su due piattaforme di grandi catene di distribuzione e hanno sequestrato lo stabilimento di lavorazione aretino, con tanto di attrezzature: si tratta della Ittica Etruria di Indicatore, con sede legale a Montevarchi, di cui è titolare Paola Pellegrini, 58 anni, indagata per frode in commercio.

Nel sequestro sono ricadute trenta tonnellate di pesce tra calamari, seppie, moscardini e polpi. Più 64 taniche di prodotto chimico denominato Whitech, acquistato da una ditta spagnola. E un mare non di pesci ma di documentazione.

I carabinieri hanno accertato che un'azienda ittica aretina acquistava prodotti della pesca congelati da una ditta romagnola di Sant'Arcangelo), che su indicazione della stessa li spedita ad una ditta di Barcellona con documentazione commerciale ch ene confermava lo stato di congelazione. La ditta spagnola, a sua volta, inviava nuovamente il pesce congelato all'azienda di Arezzo fornendo documenti commerciali che ne vantavano falsamente la qualità di prodotto fresco.

Ad Arezzo il prodotto sottoposto a processo di decongelazione utilizzando in maniera illegale il famoso prodotto chimico (un combinato di acqua ossigenata, acido fosforico e acido citrico) per nasconderne la qualità inferiore e saltarne la freschezza, veniva poi commercializzato alla grande distribuzione proprio come fresco.

La presenza del perossido di idrogeno, il cui uso nella lavorazione degli alimenti è proibito per legge, è stata confermata dall'esito delle analisi condotte a Firenze. Attivato anche il servizio per la cooperazione internazionale di polizia per eseguire accertamenti nella ditta iberica tramite la Guardia Civil, che ha disposto il blocco in attesa di sequestro di 15 tonnellate di pesce destinato ad Arezzo.

I nomi delle due catene della grande distribuzione che erano la destinazione finale del pesce così trattato non è stato fatto nel corso della conferenza stampa che si è svolta nel pomeriggio in procura, con il procuratore capo Roberto Rossi e i vertici dei Nas toscani e dell'Italia centrale. Non è ancora chiaro, è stato detto, se le catene fossero solo vittime della frode, ci vorranno ulteriori indagini per capire.

In serata sono scese in campo Esselunga e Unicoop Firenze che cercano di chiarire il loro ruolo nella vicenda. Il prodotto è stato immediatamente ritirato dai nostri banconi e la ditta esclusa dall'elenco dei fornitori, precisa un portavoce di Unicoop. Esselunga, invece, si affida a una nota che riportiamo integralmente.

"Esselunga ribadisce che non vende pesce decongelato, come garantito e dichiarato dai suoi fornitori e dagli innumerevoli controlli delle Autorità Governative preposte. Esselunga è quindi vittima di frode da parte del fornitore Ittica Etruria e pertanto si è costituita parte offesa nel procedimento penale in corso".

Fonte: La Nazione 


 Condividi su facebook

lista dei commenti ricevuti
Inserisci un nuovo commento | Trova l'ultimo commento inserito
ATTENZIONE!!! FUNZIONE SPERIMENTALE
Se vengono attivati nuovi commenti su questa pagina avvisami alla seguente mail (usare il pulsante '-' per rimuovere una mail precedentemente aggiunta)

       
Seguici su:

Calendario eventi

News da figline.it
Dal 28 settembre al 1 ottobre torna il Bacco Artigiano
Vino, tradizione, stand gastronomici, spettacoli, divertimento e uno spazio importante dedicato alla cultura
Centri storici: 40mila euro dal Comune per sostenerne le imprese
Bando da 1 ottobre a 30 novembre per finanziare progetti riqualificazione strutturali, informatizzazione e accessibilita'
Caccia, disponibile per smartphone "TosCaccia", il tesserino venatorio digitale
I cacciatori toscani, entro il 10 ottobre 2017 per l'annata venatoria corrente, dovranno scegliere tra: continuare ad utilizzare il tesserino venatorio cartaceo tradizionale oppure scaricare l'app ed utilizzarla al posto del tesserino cartaceo
Arezzo, vietato bere alcol in strada
Ordinanza del sindaco, nei locali stop dalle 2 alle 7
MAMME DELLA TOSCANA, VI PRESENTIAMO L'APP PENSATA APPOSTA PER VOI
Nata per usufruire di convenzioni particolari ed avere a portata di mano tanti servizi utili, tra cui anche l'inserimento e lo scambio di omaggi...
lista completa

Tags Cloud

WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck requires Flash Player 9 or better.


Stradario
Cerca indirizzo


Meteo
HomePage DOVE DORMIRE MANGIARE e BERE Figline e dintorni Gallerie Fotografiche

HiHo srl 
Sede legale: Via G.Donizetti, 52 - 50018 Scandicci (FI) - Sede operativa: Via Vetreria, 73 50063 Figline Valdarno ( Fi )  
tel. +39 055 5357453 - fax +39 055 5609013 - info@figline.it - P.Iva 05443270482

Powered by Hiho S.r.l © 2017
Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI